APC
Gli editori fanno ricorso contro la scuola digitale

Gli editori fanno ricorso contro la scuola digitale

L'AIE ha annunciato che avvierà una procedura di ricorso al Tar contro il decreto ministeriale sull’adozione dei libri di testo in formato elettronico.

Pubblicato: 28/05/2013 12:50

di: redazione social media

   

L'Associazione Italiana Editori (AIE) ha annunciato che avvierà una procedura di ricorso al Tar contro il decreto ministeriale sull’adozione dei libri di testo in formato elettronico a partire dall'anno scolastico 2014/2015.
Il decreto, che è stato ratificato dall’allora ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, era stato da subito criticato dagli editori italiani per via della scarsa considerazione di problematiche importanti e cruciali come quella dell'insufficienza infrastrutturale delle scuole.
Il presidente del Gruppo Educativo di AIE, Giorgio Palumbo, ha così dichiarato, in una nota ufficiale: “Il decreto Profumo ha introdotto una nuova adozione digitale forzata a dispetto delle autonomie delle scuole e delle stesse capacità tecniche di scuole, insegnanti e alunni ad essere pronti già per l'anno 2014/2015. Costringerà noi editori ad annullare i nostri investimenti e a macerare i nostri magazzini, costituiti in base alla legge dei blocchi delle adozioni e calcolati secondo le ragionevoli aspettative del graduale passaggio al digitale, così come definito dal testo della legge votato in Parlamento”.
AIE contesta l’adozione di testi elettronici per le classi denominate capiciclo e l’abbattimento previsto dei tetti di spesa del 20-30 per cento già dall'anno scolastico 2014/2015.
“L'ex ministro si è basato sul falso presupposto che il passaggio al digitale comportasse un abbattimento dei costi di produzione, indimostrato peraltro. Al contrario esso richiede altre professionalità e altri costi e sconta un'iva di 17 punti percentuali (forse da luglio di 18) in più rispetto ai libri di carta”, ha concluso Palumbo.

Ultime News
Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Vodafone: al via la sperimentazione 5G a Milano

Sindaco Sala: "Sarà un ottimo strumento per abbattere il divario digitale tra il centro e le...

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

L'app di Amazon Prime Video è ora disponibile per Apple TV in più di 100 paesi

Le integrazioni con l'app di Apple TV, Remote e universal research di Siri renderanno davvero...

Coldiretti: a Natale cresce lo shopping on line (+16%)

Coldiretti: a Natale cresce lo shopping on line (+16%)

L’Italia quest’anno è al terzo posto tra i Paesi Europei dove si spende di più on line per il...

Feste a passo di app: le migliori soluzioni gratuite per vivere il Natale in versione 2.0

Feste a passo di app: le migliori soluzioni gratuite per vivere il Natale in versione 2.0

Il portale QualeScegliere.it ha selezionato e testato le migliori app gratuite disponibili per...

Smart glass Epson Moverio: la diffusione delle applicazioni fa scendere il prezzo

Smart glass Epson Moverio: la diffusione delle applicazioni fa scendere il prezzo

Epson aumenta la produzione dei suoi smart glass in risposta alla crescita delle applicazioni in...

Qualcomm annuncia il supporto ad Android Oreo (Go edition)

Qualcomm annuncia il supporto ad Android Oreo (Go edition)

Android Oreo (Go edition) offre un'esperienza utente semplificata per i dispositivi fino a 1 GB...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media