APC
Il Garante della privacy controllerà le app mediche

Il Garante della privacy controllerà le app mediche

Il Garante della privacy ha annunciato che sarà avviata un’indagine su alcune app per smartphone e tablet, in particolare su quelle mediche.

Pubblicato: 07/05/2014 11:15

di: redazione smartphone e app

   

Il Garante della privacy, attraverso un comunicato, ha annunciato che sarà avviata un’indagine su alcune app per smartphone e tablet al fine di verificare il grado di trasparenza sull’uso delle informazioni degli utenti italiani, le autorizzazioni richieste per scaricare le applicazioni e il rispetto della normativa italiana sulla protezione dati.
L’indagine fa parte del “Privacy Sweep 2014″, iniziativa promossa dal Global privacy enforcement network (Gpen), la rete internazionale nata per rafforzare la cooperazione tra le Autorità della privacy di diversi Paesi.
Antonello Soro, Presidente dell’Autorità italiana, ha così dichiarato, a proposito: “Le applicazioni mobili sono sempre più diffuse. Chi possiede uno smartphone normalmente ha attive in media 40 applicazioni che offrono servizi di vario genere, ma che sono in grado di raccogliere grandi quantità di dati personali, per esempio accedendo alla rubrica telefonica, alle foto oppure utilizzando dati di localizzazione. Spesso tutto ciò avviene senza che l’utente dia un consenso libero ed informato e questo può comportare rischi per la privacy. Occorre dunque un’adeguata definizione di garanzie e misure a tutela dei dati personali e a questo risponde l’iniziativa del Gpen”.
Le informazioni sulle app analizzate saranno poi raccolte in un report, nel quale ci saranno indicatori che consentiranno di verificare caratteristiche e funzionalità delle app e la loro conformità alle diverse normative nazionali sulla privacy.
In particolare, il Garante italiano analizzerà le applicazioni mediche: si tratta di un settore che presenta profili molto delicati, riguardando dati sanitari, e che risulta in crescente sviluppo.
Gli eventuali profili di violazione della privacy rilevati saranno valutati dal Garante ai fini di possibili interventi prescrittivi o sanzionatori.
’analisi dovrebbe essere effettuata in una data compresa tra il 12 e il 18 maggio, settimana individuata dal Gpen per coordinare l’azione delle Autorità privacy.

Ultime News
Nuova campagna malware su Google Play

Nuova campagna malware su Google Play

Il malware, soprannominato Judy, è un adware auto-click che è stato trovato su 41 app sviluppate...

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Il gioco sarà disponibile a ottobre. Più di 2.000 giocatori di rugby della stagione 2017-2018...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media