i Agcom multa compagnie telefoniche per i “servizi premium” a sovrapprezzo | BitCity.it
APC
Agcom multa compagnie telefoniche per i “servizi premium” a sovrapprezzo

Agcom multa compagnie telefoniche per i “servizi premium” a sovrapprezzo

Oltre ad una multa per complesivi 2,5 milioni di euro, l'Autorità ha vietato la diffusione o continuazione dei servizi a sovrapprezzo (quali giochi e video) accessibili durante la navigazione in mobilità mediante banner, pop up e landing page.

Pubblicato: 22/01/2015 10:45

di: Redazione BitCity

   

L’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato ai principali operatori del settore delle comunicazioni mobili (Telecom, Wind, Vodafone e H3G) con una multa pari a 1.750.000 euro ciascuno per Telecom e H3G e a 800.000 euro ciascuno per Wind e Vodafone, per aver adottato pratiche commerciali scorrette nell’ambito della commercializzazione dei servizi premium utilizzati via Internet da terminale mobile. Nei confronti di H3G, in ragione dei rilevanti effetti delle condotte attuate, è stata disposta anche la pubblicazione di un estratto del provvedimento.
Nel corso del 2014, l’Agcm ha ricevuto numerosissime segnalazioni con le quali associazioni di consumatori e utenti di telefonia mobile denunciavano la fornitura non richiesta, e il relativo addebito da parte del proprio operatore sul credito telefonico della sim, di servizi a sovrapprezzo (i cosiddetti servizi premium, quali giochi e video) accessibili durante la navigazione in mobilità mediante bannerpop up e landing page.
Anche sulla base di quanto emerso nel corso delle ispezioni eseguite con l’assistenza della Guardia di Finanza (Gruppo Antitrust – Nucleo speciale Tutela mercati), l’Autorità ha accertato che i quattro operatori hanno attuato una pratica commerciale scorretta riconducibile a due condotte: da un lato, l’omissione di informazioni circa il fatto che il contratto di telefonia mobile sottoscritto pre-abilita la sim alla ricezione dei servizi a sovrapprezzo, nonché circa l’esistenza del blocco selettivo per impedire tale ricezione e la necessità per l’utente che voglia giovarsene di doversi attivare mediante una richiesta esplicita di adesione alla procedura di blocco; dall’altro, l’adozione da parte dell’operatore di telefonia mobile di un comportamento qualificato come aggressivo, consistente nell’attuazione di una procedura automatica di attivazione del servizio e di fatturazione in assenza di qualsiasi autorizzazione da parte del cliente al pagamento, nonché di qualsiasi controllo sulla attendibilità delle richieste di attivazione provenienti da soggetti quali i fornitori di servizi estranei al rapporto negoziale fra utente e operatore.
Nei confronti delle società H3G e Tim la pratica si è articolata in un’ulteriore condotta consistente nella diffusione di messaggi che omettono informazioni rilevanti o che determinano l’accesso e l’attivazione del servizio a sovrapprezzo senza un'espressa manifestazione di volontà da parte dell'utente.
Secondo l’Antitrust, la responsabilità delle quattro aziende discende - oltre che direttamente dall’adozione di tali condotte - anche da altri fattori: gli operatori traggono infatti uno specifico vantaggio economico dalla commercializzazione dei servizi premium, in quanto condividono con i fornitori i ricavi dei servizi erogati, trattenendone un’elevata percentuale. E inoltre, si sono dimostrati ampiamente consapevoli circa la sussistenza di attivazioni e di addebiti relativi a servizi non richiesti da parte dei propri clienti mobili.
Ai sensi del Codice del Consumo, l’Agcm ha giudicato questa pratica contraria "alla diligenza professionale e idonea a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore". La stessa Autorità ne ha vietato perciò la diffusione o continuazione, oltre a irrogare le sanzioni, stabilendo che gli operatori comunichino entro 60 giorni le iniziative assunte per ottemperare alla diffida.

Ultime News
Asus porta sugli scaffali italiani il nuovo ZenFone 4 Max

Asus porta sugli scaffali italiani il nuovo ZenFone 4 Max

Il nuovo dispositivo è dotato di un sistema a doppia fotocamera, composto da una fotocamera...

Pazienti italiani: ricercano online, ma la metà non si fida delle informazioni sanitarie che trova

Pazienti italiani: ricercano online, ma la metà non si fida delle informazioni sanitarie che trova

MioDottore.it svela il rapporto di medici e utenti italiani con la salute 3.0. L’85% dei pazienti...

Al via il TIM OPEN Hackathon

Al via il TIM OPEN Hackathon

I partecipanti si sfideranno nell’ideazione di applicazioni innovative rivolte ai settori...

Nei negozi 3 disponibili i nuovi iPhone 8, iPhone 8 Plus e Apple Watch Series 3

Nei negozi 3 disponibili i nuovi iPhone 8, iPhone 8 Plus e Apple Watch Series 3

iPhone X sarà disponibile nei negozi 3 a partire dal 27 ottobre.

Google e HTC annunciano un contratto di cooperazione da $ 1,1 miliardi

Google e HTC annunciano un contratto di cooperazione da $ 1,1 miliardi

Un gruppo di dipendenti di HTC - molti dei quali sono al lavoro sullo smartphone Pixel -...

eBay: Italiani disposti a tutto, purché sia un iPhone

eBay: Italiani disposti a tutto, purché sia un iPhone

A meno di dieci giorni dal lancio dell'iPhone 8 eBay traccia il profilo dell'iPhoneconomy: su...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media