i La storia del divertimento videoludico ricostruita grazie ad eBay | BitCity.it
APC
La storia del divertimento videoludico ricostruita grazie ad eBay

La storia del divertimento videoludico ricostruita grazie ad eBay

Dalla mitica Magnavox Odyssey alle console di settima generazione, tutte nell’immenso marketplace di eBay.

Pubblicato: 12/02/2015 11:05

di: Redazione BitCity

   

Grazie alle migliaia di appassionati di retrogaming, è possibile raccontare, attraverso l’enorme marketplace di eBay, l’intera storia del divertimento videoludico.  
Per tracciare alcuni passaggi fondamentali di questo racconto, basterà scovarne i pezzi più mitici tra  le quasi 72.000 Console e gli oltre 1.570.000 Videogiochi attualmente presenti nella sterminata sezione dedicata alla tecnologia di eBay.  
Una storia che comincia nel lontano 1972, agli albori dell’informatica, quando Ralph Baer vide il futuro e ideò la Magnavox Odyssey, commercializzata poi in Europa come Philips VideoPac. Offriva vari giochi, piuttosto simili al famosissimo Pong di Atari e per dare varietà al prodotto era necessario applicare sullo schermo della tv, una serie di fogli acetati colorati.  

la-storia-del-divertimento-videoludico-ricostruita-1.jpg
E’ di qualche anno dopo l’Atari 2600, capace di vendere negli anni ’80 oltre 30 milioni di pezzi e che rimane certamente una delle console più apprezzate dai collezionisti, tanto che ancora oggi si trovano in vendita su eBay oltre 13.000 prodotti ad essa collegati. A decretare il declino dell’Atari stessa, contribuì il videogioco E.T., considerato come il peggiore videogame della storia e legato al mito delle migliaia di copie invendute e sepolte nel deserto. Per anni considerata vera leggenda metropolitana, sono state recentemente ritrovate e in alcuni casi vendute sul marketplace di eBay con aste che hanno raggiunto diverse decine di migliaia di dollari.    
La Nintendo, con Nes e SuperNes, segnò una vera pietra miliare nella storia videoludica, ma fu il fervore creativo quasi visionario per l’epoca, a garantirgli un posto di primo piano nell’elite del retrogaming. In quegli anni, infatti, la casa giapponese rilasciò per il suo Snes periferiche e accessori dal gusto fantascientifico, destinati a diventare oggi ricercatissimi oggetti di culto per i collezionisti. Tra questi, impossibile non citare il Powerglove, che nelle intenzioni degli sviluppatori avrebbe dovuto sostituire in breve tempo i tradizionali joypad, R.O.B., un robot androide che a causa di due soli giochi compatibili ebbe vita piuttosto breve e il Virtual Boy, uno dei progetti più singolari mai sviluppati in ambito videoludico.    
Sorta di console portatile costituita da un visore stereoscopico, i suoi giochi non si rivelarono all’altezza, penalizzati da due soli colori e dal fatto che già dopo un’ora di utilizzo si avvertivano fastidiosi disturbi. Mai arrivato nel mercato europeo, oggi se ne possono trovare diversi esemplari in perfette condizioni su eBay.it, un must assoluto per collezionisti e retrogamers.   E sempre a Nintendo appartiene anche il videogioco più costoso della storia: a gennaio una copia di Stadium Events per Nes ha superato i 35.000 $ ad un’asta su eBay.  

la-storia-del-divertimento-videoludico-ricostruita-2.jpg
Nel 1998, la Dreamcast di Sega sembrava potersi guadagnare un’interessante fetta di mercato con le sue alte specifiche tecniche, ma a causa dei problemi finanziari della casa madre e dell’uscita della Playstation 2, finì presto per capitolare. I suoi fan tuttavia non si arresero e qualche tempo dopo, ad Hong-Kong, spuntò una delle più belle MOD non ufficiali di sempre, chiamata Treamcast, affascinante versione portatile dotata di un suo monitor. Nello sterminato marketplace di eBay, ne sono raramente comparsi alcuni bellissimi esemplari, rendendolo un oggetto di culto ricercatissimo dai retrogamers.  
Pochi sanno che, in quel periodo, anche Apple provò a cimentarsi nel mercato delle console, fornendo le tecnologie per realizzare la Bandai Pippin. In netto anacronismo rispetto ai suoi concorrenti e considerata una delle peggiori console di sempre, ha oggi la sua riscossa come oggetto del desiderio dei collezionisti più esperti.  
Da un accordo mancato con Nintendo, sullo sviluppo di un lettore cd che sostituisse le cartucce, nel 1994, Sony sviluppò la sua Playstation, che in breve tempo la rese la regina incontrastata del mercato. Trascorsi vent’anni dalla sua nascita, rappresenta l’esempio di maggior successo dell’intera storia videoludica e ancora oggi la sua quarta evoluzione è indiscutibilmente in testa nelle vendite di console nuove su eBay.   Quello di eBay, infatti, è sicuramente un marketplace da scandagliare alla ricerca dei modelli più recenti, come quelli di settima generazione. Non sarà così difficile, infatti, trovare Playstation 4 e Xbox One assolutamente nuove e vendute a prezzi ben inferiori degli attuali consigliati.

Ultime News
Google, arriva il pulsante

Google, arriva il pulsante "Apri nel Play Store"

Google ha introdotto il pulsante "Apri nel Play Store" che rimanda direttamente alla pagina...

Galaxy Note 8, boom di vendite in Corea nel primo weekend

Galaxy Note 8, boom di vendite in Corea nel primo weekend

In Corea, nei primi due giorni di commercializzazione, sono stati venduti più di 270mila Samsung...

Vendite record per Xiaomi Mi Mix 2

Vendite record per Xiaomi Mi Mix 2

Mi Mix 2 è molto richiesto tra i consumatori: il dispositivo è infatti stato dichiarato esaurito...

Avril Lavigne è la celebrità

Avril Lavigne è la celebrità "più pericolosa" online

La cantante americana è al 1° posto nella classifica McAfee Most Dangerous Celebrities 2017. Per...

WhatsApp, nuova truffa ai danni degli utenti

WhatsApp, nuova truffa ai danni degli utenti

Sta circolando su WhatsApp una nuova truffa che invita gli utenti a inserire i dati delle carte...

Grave rischio sicurezza per gli utenti di Ccleanup

Grave rischio sicurezza per gli utenti di Ccleanup

Chiunque abbia scaricato la versione 5.33 di Ccleanup o abbia effettuato un aggiornamento tra il...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media