APC
Adiconsum, bene Agcom su abolizione fatturazione a 28 gg.

Adiconsum, bene Agcom su abolizione fatturazione a 28 gg.

Adiconsum: "La trasformazione della fatturazione da 30 a 28 giorni sta incidendo pesantemente sulle tasche delle famiglie italiane".

Pubblicato: 27/03/2017 15:05

di: Redazione BitCity

   

È il mese il periodo temporale minimo da utilizzare da parte delle compagnie telefoniche nella fatturazione delle bollette. Il consumatore ha bisogno di 1 mese per avere una corretta e trasparente informazione sui consumi fatturati così come deve essere di 1 mese il periodo in cui l'azienda di telefonia deve assicurare la non variazione del prezzo offerto. Così ha stabilito l'Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni nella Delibera n. 252/16/CONS.
"Adiconsum esprime il proprio apprezzamento e il proprio sostegno all'operato dell'Agcom – dichiara Walter Meazza, presidente di Adiconsum nazionale – che nella delibera 252/16/CONS ha inflitto una battuta d'arresto allo stravolgimento del calendario gregoriano operato in questi ultimi mesi dalle aziende telefoniche con il cambio della fatturazione da 30 a 28 giorni con grave nocumento per le famiglie".
"Uno stravolgimento – afferma Mauro Vergari, responsabile del settore Comunicazioni e Nuove tecnologie di Adiconsum – che le compagnie telefoniche hanno giustificato richiamando l'art. 70 del Codice delle comunicazioni elettroniche che consente al consumatore di recedere dal contratto in caso di modifiche unilaterali proposte dall'azienda e non condivise dal consumatore. In realtà le aziende hanno realizzato un cartello operativo allineandosi tutte quante sulla fatturazione a 4 settimane, rendendo quindi di fatto vano il diritto di recesso del consumatore e il conseguente cambio di compagnia, perché anche tutte le altre hanno adottato la stessa misura temporale dei 28 giorni".
"Per questo - prosegue Meazzaci appelliamo al legislatore perché vari una norma primaria che regolamenti in modo definitivo i tempi della fatturazione affinché si attenga al calendario gregoriano, evitandone in tal modo lo stravolgimento da parte delle aziende di qualsiasi settore. Senza questa norma, la delibera dell'Agcom sarà priva della necessaria efficacia. In merito poi all'annuncio delle aziende di telefonia di voler ricorrere al TAR avverso tale delibera ci auguriamo che le compagnie tornino sui propri passi.  Una dichiarazione di guerra non gioverebbe né ai consumatori né tanto meno a loro. Occorre invece ristabilire un corretto dialogo con le Associazioni Consumatori rimettendo al centro il consumatore e la sua tutela per un mercato corretto e trasparente. Se ciò non dovesse avvenire, ci opporremo affinché i diritti dei consumatori vengano rispettati".

Ultime News
PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

PayPal amplia il Programma Protezione Vendite in Italia

Ora la protezione copre anche servizi come corsi di formazione, foto digitali, biglietti...

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

WhatsApp, attenzione alla truffa dell'account scaduto

Utenti di WhatsApp fate attenzione all'ultima truffa che circola sulla celebre app di...

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I tablet Toughpad di Panasonic sopravvivono al viaggio nello spazio

I device sono rimasti perfettamente funzionanti dopo aver effettuato un volo di 34.000 metri,...

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

Tradimenti: App, smartphone e tablet sempre più complici dei fedifraghi

App, chat erotiche, messaggini inviati di nascosto, battute ambigue e serie di fotografie...

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Rugby 18 in arrivo per PS4, xBox One e PC

Il gioco sarà disponibile a ottobre. Più di 2.000 giocatori di rugby della stagione 2017-2018...

iPad Pro 10.5

iPad Pro 10.5", i primi render sono online

Online circolano già i primi render del nuovo iPad Pro da 10.5", che potrebbe essere lanciato nel...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media