i Facebook in prima linea contro il terrorismo | BitCity.it
APC
Facebook in prima linea contro il terrorismo

Facebook in prima linea contro il terrorismo

Facebook intende rafforzare i controlli con l'obiettivo di espugnare i gruppi terroristici celati dietro pagine insospettabili o account personali.

Pubblicato: 16/06/2017 18:00

di: redazione social media

   

Facebook ha dichiarato di voler rafforzare i controlli con l'obiettivo di espugnare qualsiasi roccaforte di gruppi terroristici celati dietro pagine insospettabili o account personali.
In un comunicato ufficiale, i vertici di Facebook hanno dichiarato quanto segue: "Non c'è spazio su Facebook per il terrorismo. Rimuoveremo i terroristi e i post che supportino il terrorismo non appena ce ne accorgiamo".
L'ultimo monito di combattere il terrorismo concentrando l'attenzione online è arrivato da Theresa May e da Emmanuel Macron, entrambi primi ministri di due Paesi duramente colpiti da attacchi terroristici, ossia Regno Unito e Francia.
Il processo che Facebook adotta come prevenzione non si limita alla mera intercettazione di parole chiave sospette all'interno di post ed eventuale segnalazione alle autorità in casi particolarmente urgenti e gravi.
Il meccanismo comprende avanzati sistemi di intelligenza artificiale in grado di riconoscere foto o video contenenti sospettati ("image matching") e bloccarne il caricamento, ma anche di interpretare il linguaggio ("language understanding") prevenendo così la pubblicazione di articoli inneggianti al terrorismo.
L'AI di Facebook è in grado di punire i recidivi, ossia gli utenti che in maniera sempre più sofisticata cercano di bypassare i controlli creando falsi account, così come di smantellare cellule terroristiche.
In questo caso la ricerca e la definizione del rischio avvengono sulla base del tentativo di condivisione di materiale vietato o la presenza di un numero elevato di like e amicizie a pagine o account rimosse precedentemente per violazioni. 
Nell'ultimo anno, Facebook ha incrementato il numero di addetti di 3mila unità, arrivando a 7.500 persone attive nei processi di controllo, di cui 150 specializzate nella prevenzione del terrorismo in stretto contatto con le forze dell'ordine in ottica collaborativa.
La stessa collaborazione emerge anche dalle numerose partnership nate con istituzioni e altre aziende.
Sono state inoltre attivate numerose iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza con il supporto di associazioni e istituti come l'Institute for Strategic Dialogue ma anche studenti in tutto il mondo che hanno partecipato a realizzare e diffondere oltre 500 campagne anti-odio e contro l'estremismo.



Ultime News
Sicurezza informatica: ESET e Google insieme nella lotta ai malware

Sicurezza informatica: ESET e Google insieme nella lotta ai malware

Chrome Cleanup, la nuova soluzione di ESET incorporata in Google Chrome, consente una...

Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

Il malware FormBook colpisce Stati Uniti e Corea del Sud

FormBook è un software per furti di dati e un intercettatore di dati in form, pubblicizzato su...

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Lenovo e Motorola a Lucca Comics & Games 2017

Quest’anno Lenovo e Motorola portano al Festival esperienze ricche di innovazione, dal gaming al...

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Voice Assistant: Samsung lancia una nuova versione di Bixby

Bixby 2.0 sarà aperto agli sviluppatori in modo da integrare l'assistente vocale in altri...

 Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Telefonia, Adiconsum: basta modifiche unilaterali degli operatori nei contratti in corso di validità

Adiconsum: "E basta anche agli accordi tra operatori che rendono inutile la disdetta del...

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Vodafone Italia amplia con La7 la sua grande offerta tv

Tutti i programmi preferiti a disposizione sui canali lineari La7 e La7d e nella sezione on...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media