APC
UE vs Amazon: restituisca 250 milioni al Lussemburgo

UE vs Amazon: restituisca 250 milioni al Lussemburgo

Secondo la Commissione Ue, le norme fiscali favorevoli concesse dal Granducato al gigante dell'ecommerce costituiscono vantaggi fiscali sleali che distorcono la concorrenza.

Pubblicato: 04/10/2017 15:55

di: Redazione BitCity.it

   

Bruxelles ha inferto un duro colpo ad Amazon. La Commissione europea ha annunciato infatti il suo verdetto dopo aver condotto per ben tre anni un'indagione contro il gigante dell'ecommerce: l'esecutivo Ue ha invitato la società a rimborsare 250 milioni di euro alle autorità fiscali lussemburghesi che le avrebbero concesso notevoli vantaggi fiscali.
Secondo la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager "attraverso benefici fiscali illegali concessi dal Lussemburgo, tre quarti dei profitti di Amazon non sarebbero stati tassati. Amazon paga tasse quattro volte inferiori rispetto alle altre aziende locali, soggette alle stesse regole fiscali nazionali". 
Bruxelles ha scoperto che in base ad un 'tax ruling' siglato con il Lussemburgo nel 2003, Amazon ha visto una riduzione delle sue tasse "senza alcuna giustificazione valida". In base all'accordo infatti l'azienda ha potuto spostare la vasta maggioranza dei suoi profitti da un gruppo soggetto alla tassazione lussemburghese (Amazon EU) ad una società non soggetta ad alcuna tassazione (Amazon Europe Holding Technologies). II tax ruling prevedeva il pagamento di una royalty da Amazon EU ad Amazon Europe Holding Technologies, che ha significativamente ridotto i profitti tassabili.
Secondo la Commissione, il pagamento della royalty, sostenuto dal tax ruling, "non rifletteva la realtà economica del mercato". 
La società di e-commerce si è difesa affermando che "Amazon non ha ricevuto alcun trattamento speciale dal Lussemburgo e di aver pagato le tasse in piena conformità con la legislazione fiscale lussemburghese ed internazionale. Studieremo la decisione della Commissione e valuteremo le nostre opzioni legali, tra cui il ricorso in appello. I nostri 50.000 dipendenti in tutta Europa rimangono focalizzati a offrire il miglior servizio ai nostri clienti e alle centinaia di migliaia di piccole imprese che lavorano con noi".

bruxelles-sanziona-amazon-dovr-pagare-250-milioni--1.jpg

Ultime News
3 presenta le nuove offerte natalizie con Netflix incluso

3 presenta le nuove offerte natalizie con Netflix incluso

3 arricchisce così le proprie offerte il proprio portafoglio di prodotti con l’intrattenimento on...

Zaveapp, il salvadanaio digitale per gli amanti del viaggio

Zaveapp, il salvadanaio digitale per gli amanti del viaggio

Zaveapp è un'applicazione che aiuta a risparmiare denaro per le proprie vacanze in modo facile e...

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

Dati malware Check Point di novembre: Italia peggiora e ritorna la botnet Necurs

A novembre l’Italia peggiora e scala dieci posizioni nella classifica mondiale dei paesi più...

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

Le previsioni di G DATA per il 2018: i cybercriminali puntano a Bitcon

I cybercriminali hanno creato nuovi modelli di business illegale particolarmente lucrativi e...

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Amazon Prime Video disponibile su Apple TV in più di 100 Paesi

Negli Stati Uniti, l’app Apple TV offre ora eventi sportivi in diretta.

Apple mette le mani su Shazam sborsando

Apple mette le mani su Shazam sborsando "appena" 400 milioni di dollari

Shazam è un'applicazione in grado di identificare canzoni, programmi TV e film in pochi secondi.

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media