APC
Black Friday: alcuni consigli per proteggersi dalle truffe online

Black Friday: alcuni consigli per proteggersi dalle truffe online

A poche ore dal Black Friday, gli esperti di Barracuda mettono in guardia dalle truffe online.

Pubblicato: 23/11/2017 11:30

di: Redazione BitCity.it

   

L’idea di accamparsi fuori dal grande magazzino preferito per essere i primi ad approfittare del Black Friday non è più così diffusa, dato che tutto si può fare online senza perdere il sonno e azzuffarsi con orde fameliche di clienti.
Tuttavia, se possiamo dire addio ai parcheggi straboccanti di auto e alle file interminabili alle casse, non è così scontato che ci si possa rilassare; semplicemente, la battaglia si è spostata su un terreno nuovo e meno conosciuto. Infatti, se da un lato della barricata ci sono milioni di clienti alla caccia delle migliori occasioni online, dall’altra ci sono i cybercriminali alla continua ricerca di idee creative per approfittarsi della situazione
Gli esperti di Barracuda hanno analizzato alcuni degli attacchi di phishing che stanno avvenendo in questi giorni.
Tre sono i metodi prevalentemente usati per trarre in inganno gli utenti:
  • Fingersi popolari brand di e-commerce come Amazon, inviando email contenenti false gift card.
  • Fingersi importanti brand fisici come Walmart o Kohls.
  • Fingersi popolari brand di prodotti di consumo come Ray-Ban e Micheal Kors.
I nomi dei marchi utilizzati sono meno significativi delle tattiche usate; criminali infatti possono cambiare rapidamente i nomi dei brand e lanciare nuovi attacchi. Questi attacchi di massa vengono inviati a migliaia di potenziali clienti proponendo gift card da usare entro una data precisa che portano le vittime su siti fasulli dall’aspetto simile al sito legittimo. L’obiettivo è di convincere il consumatore a registrarsi o ad autenticarsi su quello che pensano essere il vero sito Amazon o Walmart per ricevere la gift card. Purtroppo, all’incauto cliente non arriverà alcuna gift card: avrà solamente rivelato le proprie credenziali, cosa che può condurre a ogni sorta di comportamento distruttivo. I cybercriminali possono collegarsi a questi account, recuperare il numero di carta di credito e altre informazioni personali e conoscere le abitudini d’acquisto per utilizzarle in futuri attacchi di social engineering.  
Queste minacce hanno vita breve: molti di questi siti sono ora inaccessibili e sicuramente nuovi attacchi sono stati lanciati con domini diversi. In queste minacce, inoltre, le email sono architettate in modo particolarmente subdolo. I destinatari non devono cliccare su un tasto “Acquista” per essere diretti al sito contraffatto, perché i criminali hanno incorporato link malevoli in tutti gli elementi del messaggio, immagini e testo. In pratica, basta che la vittima clicchi in un punto qualsiasi del messaggio per ritrovarsi sul sito contraffatto. 
Sebbene questi siti non siano del tutto identici all’originale, i criminali contano sul fatto che la maggior parte dei consumatori non acquista direttamente da questi brand e non è quindi in grado di distinguere la pagina contraffatta dall’originale. Puntano sul fatto che molte persone che acquistano online lo fanno su Amazon e sono disposte a registrarsi per un buono da spendere sul sito Ray-ban. 
La maggior parte delle soluzioni per la sicurezza della posta non blocca questi tentativi perché i criminali usano URL shortener e redirector per fare arrivare la mail all’utente finale. I criminali sfruttano il fatto che le soluzioni di sicurezza non bloccano la maggior parte dei servizi di URL shortening, molto diffusi per condividere gli URL. I redirector invece sono impiegati per fare sì che l’utente non pensi di visitare un sito pericoloso. Tattiche senza dubbio scaltre che accrescono la probabilità che la mail giunga a destinazione e che l’utente la apra. 

Riassumendo, le tecniche usate sono:
  • Phishing: i criminali inviano grandi quantità di mail per spingere i destinatari a compiere un’azione per approfittare di un’offerta irresistibile
  • Impersonation / brand hijacking: i criminali fingono di essere brand popolari o conosciuti store di e-commerce
  • Spoofing: i siti gestiti dai criminali sono costruiti per assomigliare ai siti originali.
 Consigli per la sicurezza e la prevenzione
  • Nei giorni del Black Friday e Cyber Monday e, in generale, nei periodi degli acquisti fate attenzione e non cliccate sulle mail che propongono affari imperdibili. Andate direttamente al sito e cercate il prodotto in offerta.
  • Spostate il mouse sui link per verificare se l’indirizzo di destinazione è legittimo.
  • In caso di dubbio, non cliccate!
  • Siate estremamente cauti verso tutte le email promozionali che vi arrivano in questo periodo.
  • Verificate il certificato sull’angolo superiore sinistro del sito, assicurandovi che sia assegnato ad Amazon.com o comunque al sito “reale”.
  • I siti non sono sempre identici all’originale, verificate.
  • Assicuratevi che, quando vi registrate o inserite informazioni personali, il sito sia sicuro. Potete verificare sul browser, appena prima dell’URL, che sia presente la parola “Secure”.

Ultime News
InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

InMotion Ventures sostiene una start-up di taxi a guida autonoma

La raccolta di fondi Voyage ad oggi ammonta ad un totale di 20 milioni di dollari.

 Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

Amazon apre al pubblico le porte del Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni

I tour sono aperti a chiunque abbia compiuto 6 anni, fino ad un massimo di 35 partecipanti per...

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

Saldi, Italiani sempre più smart: pagano con contactless ed Apple Pay

I saldi di inizio anno fanno registrare un aumento delle spese da parte degli italiani del 34%...

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

UE: pagamenti elettronici più economici, sicuri e innovativi

I consumatori europei potranno cogliere tutti i vantaggi dell'acquisto in rete di prodotti e...

WhatsApp non supporterà più BlackBerry 10 e BlackBerry OS

WhatsApp non supporterà più BlackBerry 10 e BlackBerry OS

WhatsApp però continuerà a supportare i dispositivi BlackBerry con SO Android come BlackBerry...

Mondadori Store presenta

Mondadori Store presenta "MyStore", il nuovo assistente digitale

L'assistente digitale "MyStore", sviluppato da Mauden, offre ai clienti contenuti e consigli su...

Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media