APC
Nasce Commerc.io, la prima app per scambiare documenti via blockchain

Nasce Commerc.io, la prima app per scambiare documenti via blockchain

L'app rende più sicuro il commercio online fra aziende attraverso la blockchain, semplifica le procedure, abbassa il costo dello scambio documenti criptati e tutela dalle truffe online.

Pubblicato: 11/04/2018 16:05

di: Redazione BitCity.it

   

Dare più sicurezza al commercio B2B semplificando lo scambio, la condivisione di documenti tra aziende ed evitando le truffe online. Nasce la prima piattaforma di e-commerce B2B sulla blockchain e a realizzarla è Enrico Talin, imprenditore vicentino, ceo e co-fondatore di Commerc.io.
La piattaforma, aperta a 250 milioni di aziende nel mondo, permetterà la vendita di beni e servizi tra aziende, - non ai consumatori finali - attraverso una web app.
Commerc.io svilupperà la tecnologia B2B e-commerce e il progetto aziendale sarà suddiviso in tre fasi.   
La prima è quella di semplificare, per distribuire una soluzione sul mercato che permetta l’accesso a un numero più grande di aziende di ogni dimensione. Finora non esisteva un modo semplice con il quale una piccola impresa potesse generare affari con questo nuovo canale di vendita B2B e-commerce, generalmente disponibile solo per le grandi aziende. In questo modo, qualsiasi azienda che paga un piccolo canone mensile potrà utilizzare il sistema senza alcuna limitazione sul numero di clienti o prodotti venduti, il che abbasserà drasticamente il costo medio del progetto. Verrà resa disponibile ai clienti paganti di Commerc.io un’applicazione online alla quale tutti i loro clienti potranno accedere tramite invito e selezionare tutti i cataloghi, listini prezzi, inventari di prodotti e servizi disponibili.   
La seconda fase sarà quella di proteggere identità e firma, con l’obiettivo di creare una doppia chiave digitale decentralizzata che darà accesso alla tecnologia della blockchain di Ethereum a 250 milioni di aziende in tutto il mondo. Questa chiave è sicura, previene gli attacchi forzati, protegge le persone, le identità aziendali e la firma digitale, ma per assicurare anche le transazioni in totale sicurezza Commerc.io si avvarrà anche di una blockchain federata privata che permetterà di gestire tutti i dati e i documenti di cui le aziende necessitano.  
La soluzione si fonda su un database distribuito con l'aggiunta delle tre caratteristiche di base della blockchain: controllo decentralizzato, immutabilità e scambio sicuro e distribuito di documenti digitali. L’InterPlanetary File System (Ipfs), il progetto open source elaborato per la blockchain, è, invece, la tecnologia che permetterà di archiviare i dati, rimuovere le duplicazioni dei file, tracciarne la cronologia, memorizzare solo il contenuto che interessa ai nodi attraverso un metodo peer to peer. I file gestiti con Ipfs verranno poi linkati nella blockchain di Commerc.io.
La blockchain federata di Commerc.io in sintesi condividerà una serie di documenti sull'intero ciclo di vendita tra i diversi interessati alla rete. A ogni file coincide un documento, scaricato, visto, firmato dal cliente sull’app gratuita di Commerc.io e, mentre la transazione sarà pubblica (nell'ambito della blockchain federata), il suo contenuto non lo è, ovvero tutte le informazioni dell'ordine e i documenti potranno essere decriptati solo dai firmatari elettronici.
A garanzia dell’operazione, tutti i partecipanti della blockchain federata che controllano la validità delle transazioni dovranno depositare una posta di denaro digitale, sapendo che la perderanno nel caso in cui la transazione non rispettasse le procedure.  
La blockchain federata di Commerc.io sarà progressivamente una rete di transazioni B2B democratica e la decentralizzazione, così creata, consentirà di distribuire a più soggetti i nodi della blockchain e, conseguentemente, di evitare qualsiasi potenziale attacco hacker. 
Nella terza fase, quella della decentralizzazione, verrà creato un ponte fra la blockchain “privata” di Commerc.io e la blockchain “pubblica” di Ethereum, con lo scopo di autenticare il documento principe degli scambi commerciali: la fattura. Lo smart contract su Ethereum agirà come un notaio digitale disponibile 24 ore al giorno, l’interfaccia di Commerc.io autenticherà digitalmente (tokenizzazione) la fattura o qualsiasi altro documento, provando l'esistenza, data, autenticità e integrità dello stesso file. Ne risulterà che le fatture digitali tokenizzate da Commerc.io potranno interagire in modo semplice e veloce con migliaia di altre applicazioni finanziarie su Ethereum.
«Siamo fermamente convinti che questo, in combinazione con una strategia di community building – rileva il ceo e co-fondatore della startup Enrico Talin - semplificherà lo sforzo di gestione e consentirà una crescita dirompente dello spazio e-commerce B2B. Quando l'ecosistema Ethereum sarà maturo – aggiunge -, sostituirà la necessità della nostra blockchain federata e questo, attraverso l’e-commerce B2B, consentirà alle aziende di tutto il mondo di ottenere risparmi significativi a tutti i livelli».

Ultime News
Da TomTom un nuovo servizio per ridurre il traffico

Da TomTom un nuovo servizio per ridurre il traffico

TomTom lancia Origin/Destination Analysis per una migliore pianificazione urbanistica. Un nuovo...

Allarme polizia postale: estorsione via mail per aver visitato siti porno

Allarme polizia postale: estorsione via mail per aver visitato siti porno

I cybercriminali minacciano gli utenti di divulgare a tutti il tipo di siti visitati e la...

Giovani consumatori digitali italiani: appassionati di elettronica e videogames

Giovani consumatori digitali italiani: appassionati di elettronica e videogames

idealo ritrae i consumatori digitali tra i 18 e i 24 anni. La città con più “giovani digital” è...

Accordo LVenture Group - Facebook: nell'hub romano arriva 'Binario F from Facebook'

Accordo LVenture Group - Facebook: nell'hub romano arriva 'Binario F from Facebook'

Siglato un accordo tra LVenture Group e Facebook per ospitare alla Stazione Termini il nuovo...

Nextdoor, l'app per vicini di casa, arriva in Italia

Nextdoor, l'app per vicini di casa, arriva in Italia

La app di quartiere che facilita e promuove le relazioni locali attiva in più di 200.000...

Google Pay in Italia, ecco le banche aderenti (prossimamente anche Poste Italiane)

Google Pay in Italia, ecco le banche aderenti (prossimamente anche Poste Italiane)

Per ora le banche che supporteranno il servizio sono: Banca Mediolanum, Boon, HYPE, Nexi, N26,...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media