APC
 Kaspersky Lab: nuova variante del ransomware SynAck

Kaspersky Lab: nuova variante del ransomware SynAck

I ricercatori di Kaspersky Lab hanno scoperto una nuova variante del ransomware Trojan SynAck che utilizza una tecnica di Doppelgänging per bypassare i dispositivi anti-virus di sicurezza, nascondendosi dietro l’esecuzione di programmi legittimi.

Pubblicato: 07/05/2018 15:30

di: Redazione BitCity.it

   

Il ransomware SynAck è noto dall’autunno del 2017; a dicembre sono stati analizzati degli attacchi aggressivi, con Remote Desktop Protocol (RDP), che avevano come obiettivo utenti per lo più di lingua inglese; a questi attacchi sono seguiti download manuali e installazioni di malware.
La nuova variante di SynAck scoperta dai ricercatori di Kaspersky Lab adotta un approccio ancor più articolato, introducendo la tecnica del Process Doppelgänging per ingannare i sistemi di rilevamento. Individuato a dicembre 2017, il Process Doppelgänging prevede l’inserimento di un codice fileless che sfrutta una funzione Windows integrata e un'implementazione non documentata del Process Loader di Windows. Manipolando il modo in cui Windows stesso gestisce i passaggi dei file, gli autori di attacchi possono far passare azioni malevole come processi innocui e legittimi, anche se utilizzano un codice dannoso conosciuto. Il Doppelgänging non lascia tracce evidenti; per questo motivo è un tipo di intrusione molto difficile da rilevare. Questa è la prima volta che una tecnica del genere è stata usata per un ransomware. 
Vediamo altre caratteristiche degne di nota della nuova variante di SynAck: 
  • Il Trojan offusca il suo codice eseguibile prima della compilazione, invece che comprimerlo come fanno la maggior parte degli altri ransomware; in questo modo per i ricercatori è più difficile effettuare il processo di reverse engineering e analizzare il codice dannoso.
  • Oscura anche i link alla funzione API necessaria e archivia hash in stringhe al posto delle stringhe attuali.
  • Al momento dell'installazione, il Trojan esamina la directory da cui è stato avviato il suo eseguibile e, se rileva un tentativo di avvio da una directory “errata", come una potenziale sandbox automatica, esce dall’installazione.
  • Il malware “esce” anche senza esecuzione se il PC vittima ha una tastiera settata in cirillico.
  • Prima di crittografare i file sul dispositivo attaccato, SynAck controlla le funzioni hash di tutti i processi e i servizi in esecuzione, mettendole a confronto con la propria lista codificata. Se individua una corrispondenza, cerca di interrompere il processo. I processi bloccati in questo modo includono macchine virtuali, applicazioni office, script interpreter, database application, sistemi di backup, applicazioni legate al gaming e altro ancora. SynAck agisce in questo modo probabilmente per rendere più facile il processo di conquista di file importanti che potrebbero altrimenti essere legati ai processi in esecuzione.
I ricercatori ritengono che gli attacchi che utilizzano questa nuova variante di SynAck siano altamente mirati. Ad oggi hanno osservato un numero limitato di attacchi negli Stati Uniti, in Kuwait, in Germania e in Iran, con richieste di riscatto da 3.000 dollari. 
"Nel cyberspazio la competizione tra autori di attacchi e difensori è senza fine: nella tecnica del Process Doppelgänging la capacità di sottrarre i malware alle ultime misure di sicurezza rappresenta una minaccia significativa; minaccia che, ovviamente, è stata subito sfruttata dai criminali. La nostra ricerca mostra come un ransomware come SynAck, di profilo relativamente basso, sia stato in grado di utilizzare questa tecnica per migliorare le sue capacità di occultamento e infezione. Per fortuna, la logica di rilevamento legata ai questo ransomware è stata implementata prima che si manifestasse", ha dichiarato Anton Ivanov, Lead Malware Analyst di Kaspersky Lab. 

Kaspersky Lab rileva questa variante del ransomware SynAck come: 
  • Trojan-Ransom.Win32.Agent.abwa
  • Trojan-Ransom.Win32.Agent.abwb
  • PDM:Trojan.Win32.Generic

Ultime News
Arriva LibreOffice 6.1

Arriva LibreOffice 6.1

I requisiti minimi per i sistemi operativi sono Microsoft Windows 7 SP1 e Apple macOS 10.9.

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab ha rilasciato un nuovo report dedicato all’evoluzione delle minacce informatiche e...

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

Sanzione di 300 mila euro che ha visto coinvolte Amazon Italia Logistica, Amazon Italia...

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

40 GB, minuti e sms illimitati a 6,99 euro, per sempre. Gli utenti che hanno sottoscritto la...

Facebook lancia le

Facebook lancia le "ToDo List" sui cellulari

La nuova funzionalità che rientra nelle strategie del social network finalizzate ad una maggiore...

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

Una nuova ricerca di F-Secure e MWR Infosecurity evidenzia che lo spam è la fonte malware numero...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media