APC
Android: una nuova app dannosa ogni 10 secondi!

Android: una nuova app dannosa ogni 10 secondi!

Dell'oltre 70% di utenti di dispositivi mobili che hanno device Android in Italia (fonte Statcounter), solo una minima parte (6%) dispone della nuova release Oreo.

Pubblicato: 10/05/2018 17:05

di: Redazione BitCity.it

   

Una media di 9.411 nuovi malware al giorno ai danni di Android, una nuova app dannosa ogni 10 secondi. Questi i risultati delle analisi del primo trimestre 2018 da parte degli analisti G DATA che prevedono circa 3,4 milioni di nuovi malware.
Gli ultimi dati mostrano una crescente minaccia per gli utenti di dispositivi mobili. I criminali informatici sanno fin troppo bene che questi apparecchi tuttofare sono da tempo utilizzati per svolgere tutte le attività digitali, dallo shopping all'online-banking. Gli sviluppatori di Android fanno ogni sforzo per dotare tutti gli smartphone e i tablet di aggiornamenti in modo più efficace e tempestivo, essendo ormai chiaro che i dispositivi oggi all'avanguardia sono meno esposti agli attacchi poiché sono state chiuse numerose falle di sicurezza.
Google non certifica più i dispositivi dotati di sistema operativo Android 7 ("Nougat": in Italia in uso sul 36% dei dispositivi, ma uno su cinque monta ancora la versione 6 Marshmallow). La decisione non sorprende, poiché con "Project Treble" e altre misure la società sta già adottando strategie volte a convincere i produttori a dotare gli smartphone dell'ultima versione di Android in tempo utile.
Per i produttori, è molto importante che i loro dispositivi siano certificati. Questo è infatti l'unico modo per poter accedere ai Google Mobile Services, che includono tutti i servizi e le app firmate Google, incluso il Playstore. I requisiti richiesti ai produttori al fine di poter ottenere detta certificazione sono stabiliti nel cosiddetto "documento di definizione della compatibilità".  Oggi smartphone e tablet devono essere forniti con Android 8. Ciò garantisce che "Project Treble" sia implementato su tutti i nuovi dispositivi. 
Gli esperti di sicurezza criticano i produttori di smartphone perché a parer loro ingannano i clienti in merito agli aggiornamenti dei loro dispositivi e del sistema operativo Android installato. Risultano coinvolti oltre 1.000 smartphone, inclusi i dispositivi di noti produttori di fascia bassa e media. All'utente viene comunicato che il dispositivo ha ricevuto tutti gli aggiornamenti di sicurezza disponibili ed è aggiornato, quando, in realtà, non vi è traccia di alcun aggiornamento.
In diversi casi i produttori arrivano addirittura a modificare la data dell'ultimo aggiornamento senza offrire effettivamente nuovi contenuti. Gli utenti non se ne accorgono e ritengono che il loro dispositivo sia aggiornato e quindi sicuro.
L'assenza di aggiornamenti tuttavia non ha sempre luogo in malafede. Per alcuni produttori problemi di natura tecnica possono essere alla base di un processo di aggiornamento malfunzionante. Anche i processori integrati nei dispositivi sono critici: gli smartphone con chip Samsung, ad esempio, sono molto meno interessati da tale problematica rispetto ai dispositivi con processori di Mediatek. Il motivo: i produttori di smartphone si affidano ai fornitori di processori per le patch. Se i produttori di chip non consegnano, i fornitori dei dispositivi non possono pubblicare l'aggiornamento.

Ultime News
Qualcomm e Facebook portano la connessione ad alta velocità oltre i 60GHz nelle aree urbane

Qualcomm e Facebook portano la connessione ad alta velocità oltre i 60GHz nelle aree urbane

Facebook e Qualcomm hanno stretto un accordo per migliorare il progetto “Terragraph” che mira a...

Al via EpicTourApp, l'app rende virale il patrimonio culturale italiano

Al via EpicTourApp, l'app rende virale il patrimonio culturale italiano

Debutta l'applicazione che sfida a scalare la classifica attraverso quesiti, prove creative...

Fatturazione su base mensile, Agcom: procedimento contro Tim e Wind Tre

Fatturazione su base mensile, Agcom: procedimento contro Tim e Wind Tre

L’Agcom ha avviato un procedimento sanzionatorio per verificare trasparenza delle informazioni e...

UE: attenzione ad acquistare servizi di telecomunicazione online

UE: attenzione ad acquistare servizi di telecomunicazione online

La Commissione Europea rivela pratiche ingannevoli da parte di siti web che offrono servizi di...

PayPal acquista la startup svedese iZettle

PayPal acquista la startup svedese iZettle

iZettle è presente anche in Italia con una sorta di pos (point of sale) per pagamenti con carta,...

WiFi4EU: i Comuni possono presentare domanda per hotspot Wi-Fi gratuiti

WiFi4EU: i Comuni possono presentare domanda per hotspot Wi-Fi gratuiti

L'iniziativa WiFi4EU, che avrà un bilancio di 120 milioni di euro tra il 2017 e il 2019, favorirà...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media