APC
UE: ammenda di 4,34 miliardi di euro a Google

UE: ammenda di 4,34 miliardi di euro a Google

L'ammenda è stata inflitta dalla Commissione Europea per pratiche illegali relative ai dispositivi mobili Android volte a rafforzare la posizione dominante di Google.

Pubblicato: 19/07/2018 10:10

di: Redazione BitCity.it

   

La Commissione europea ha inflitto a Google un'ammenda di 4.34 miliardi di Euro per violazione delle norme antitrust dell'UE.
Dal 2011 Google impone ai produttori di dispositivi Android e agli operatori di reti mobili restrizioni illegali volte a consolidare la propria posizione dominante nel comparto delle ricerche generiche su Internet.
Google deve ora porre effettivamente un termine a tale condotta entro 90 giorni. In caso contrario dovrà versare penalità che potranno arrivare fino al 5% del giro d'affari mondiale medio giornaliero di Alphabet, la società madre di Google.
Margrethe Vestager, Commissaria responsabile per la Concorrenza, ha dichiarato: "L'Internet mobile, che costituisce oggi più della metà del traffico Internet globale, ha cambiato la vita di milioni di europei. Il caso in oggetto riguarda tre tipi di restrizioni che Google ha imposto ai produttori di dispositivi mobili che utilizzano Android e agli operatori di rete per fare in modo che il traffico che transita su tali dispositivi venga indirizzato verso il motore di ricerca di Google. Agendo in tal modo, Google ha utilizzato Android come strumento per consolidare la posizione dominante del proprio motore di ricerca. Tali pratiche hanno negato ai concorrenti la possibilità di innovare e di competere in base ai propri meriti ed hanno negato ai consumatori europei i vantaggi di una concorrenza effettiva nell'importante comparto dei dispositivi mobili. Ai sensi delle norme antitrust dell'UE, si tratta di una condotta illegale."

ue-ammenda-di-4-34-miliardi-di-euro-a-google-1.jpg
In particolare, Google:
  • ha imposto ai produttori di preinstallare l'applicazione Google Search e la sua applicazione di browsing (Chrome) come condizione per la concessione della licenza relativa al portale di vendita di applicazioni di Google (Play Store);
  • ha pagato alcuni grandi produttori e operatori di reti mobili affinché preinstallassero a titolo esclusivo l'applicazione Google Search sui loro dispositivi e
  • ha impedito ai produttori che desideravano preinstallare le applicazioni Google di vendere anche un solo dispositivo mobile intelligente funzionante con versioni alternative di Android non approvate da Google (le cosiddette "Android forks").
La decisione della Commissione conclude che Google occupa una posizione dominante sui mercati dei servizi di ricerca generica su Internet, dei sistemi operativi per dispositivi mobili intelligenti che possono essere concessi in licenza e dei portali di vendita di applicazioni per il sistema operativo Android.


Ultime News
Arriva LibreOffice 6.1

Arriva LibreOffice 6.1

I requisiti minimi per i sistemi operativi sono Microsoft Windows 7 SP1 e Apple macOS 10.9.

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab ha rilasciato un nuovo report dedicato all’evoluzione delle minacce informatiche e...

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

Sanzione di 300 mila euro che ha visto coinvolte Amazon Italia Logistica, Amazon Italia...

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

40 GB, minuti e sms illimitati a 6,99 euro, per sempre. Gli utenti che hanno sottoscritto la...

Facebook lancia le

Facebook lancia le "ToDo List" sui cellulari

La nuova funzionalità che rientra nelle strategie del social network finalizzate ad una maggiore...

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

Una nuova ricerca di F-Secure e MWR Infosecurity evidenzia che lo spam è la fonte malware numero...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media